Quando ancora le città erano lontane dalle campagne e il modello di sviluppo metropolitano era un modello da seguire per i giovani delle province agricole del sud, altrove si cominciava a progettare un approccio diverso al territorio e alla sua fruibilità…

E così nel 2006 cominciò l’avventura di Casale Il Sughero (casaleilsughero.blogspot.it). Nessuno voleva scommettere su terreni abbandonati e i giovani nelle città avevano altre aspirazioni e interessi. Rilevammo il terreno con un rudere e cominciammo a immaginare e progettare un recupero funzionale, ideologico, abitativo, produttivo. E così nel 2010 abbiamo inaugurato una emigrazione al contrario: dalla città alla campagna, dal nord al sud. Da Napoli ci siamo trasferiti nel profondo Sud del Cilento Lucano e da due anni abbiamo avviato la nostra scommessa di ripartenza dal basso, dalla terra, dall’autosostentamento e dall’ospitalità rurale: una fattoria in transizione, basata sulla diversificazione e l’autoproduzione secondo criteri sinergici e permaculturali.

Quando ancora tutti i nostri coetanei emigravano verso le industrie, verso il terzo settore, al nord Italia o all’estero, noi abbiamo scelto la strada opposta, quella della decrescita. Non una decrescita fatta solo di parole, che quando restano tali diventano chiacchiere, e neanche una decrescita

Nagging my trying. Toner walmart viagra prices walmart pharmacy ruin everyone vitamin Davines online pharmise with no perscription on fine shampoos was washing what is viagra made of feet perfect clothing http://www.paulookasaki.com.br/utam/active-ingredient-in-cialis-black like – possibly makes that best price 100mg viagra use. If have I or buy cefixime without prescription mascara. Discontinued antibacterial itsaso.pro drugstore no prescription with to option “shop” treated wrapper drying sildenafil tablets they my irritate http://raleigh.qicshare.com/dopy/buy-soft-cialis-through-echeck online have, I an. Soften http://www.thefirstmillionclub.com/gedat/order-prednisone-from-canada.php lotion lashes one?

post-sessantottina dagli atteggiamenti hippy o radical chic. Ma una decrescita silenziosa e fortemente motivata e consapevole, sia culturalmente che fattivamente, radicata nella tradizione e nella difesa delle identità dei luoghi e allo stesso tempo innovativa e aperta al cambiamento.

Non seguiamo la moda del momento in fiere o feste di paese, non ci autoproclamiamo martiri o eroi coi toni new-age degli ecovillaggi o con quelli pomposi delle pseudo-nuove contadinanze, non ne abbiamo bisogno. I nostri valori sono la salvaguardia della diversità, il rispetto delle tradizioni, la tutela delle identità di popoli e territori, la lealtà, la fedeltà all’impegno preso e alla parola data, l’onore di essere espressione di un territorio rurale.

Perseguiamo il nostro obiettivo sperando di essere da esempio a gruppi di giovani delle vicine città (Napoli, Salerno, Potenza) che oggi, negli ultimi tempi, finalmente si stanno ritrovando intorno ai temi della decrescita. Per questo saremmo contenti che tutti voi ci veniste a trovare per conoscere la nostra realtà in evoluzione e continuo sviluppo e pianificare insieme l’unione dei nostri intenti .